Archivio per : giugno, 2016

post image

Metodi di trading avanzati: trend, supporti e resistenze

Decidere di entrare nel mercato finanziario del forex online è un'ottima idea se avete fiuto per gli affari e un buon metodo analitico. Il mercato è quasi come un libro aperto se lo si sa leggere. Per farlo occorre studio, metodo e istinto. La prima regola da seguire quando si decide di agire su una valuta è quella di analizzare la direzione del mercato e decidere se conviene di più comprare o vendere seguendo il trend giusto. Per ottenere maggior indicazioni riguardo ai trend e agli andamenti di mercato, un ottimo metodo è quello di studiare il metodo dei supporti e delle resistenze. Se osserviamo i grafici relativi al prezzo di una valuta all’interno di un periodo si nota come l’andamento del prezzo tenderà al rialzo o al ribasso. Questo è il trend principale di mercato allo stato attuale. Se diminuiamo il periodo di osservazione, avremo una visione minore del trend, ma più dettagliato come previsto. I trend possono essere di tre tipi: rialzisti, ribassisti o laterali; il concetto di trend è legato a quello di supporto e resistenza che lo specificano.

Cosa sono il supporto e la resistenza

Il supporto è quel livello di prezzo della valuta che contrasta il trend ribassista e può essere statico o dinamico. Nel primo caso  crea una vera e propria inversione di trend; nel secondo caso, invece, supporta il trend rialzista e crea nuovi picchi di prezzo. La resistenza invece contrasta il trend che va nella direzione opposta a quello del supporto e cioè contrasta il trend rialzista. Anche la resistenza può essere sia statica che dinamica. Sarà statica quando crea le condizioni di inversione di trend e si dice dinamica quando spinge il trend ribassista a proseguire. Supporti e Resistenze statiche sono molto importanti perché addirittura riescono a persistere  per mesi o anni; quelli dinamiche invece si modificano molto facilmente. I supporti e le resistenze non sono fissi, ma possono addirittura scambiarsi il ruolo. Questo accade quando una resistenza superata diventa un valido supporto per i prezzi che l’hanno rotta, oppure un supporto si trasforma in una resistenza per il nuovo trend ribassista.

Insomma, il metodo delle resistenze e dei supporti è evidentemente un metodo più avanzato, non per principianti. Tuttavia se davvero volete fare del trading forex il vostro lavoro, vi suggeriamo di prendere confidenza con questi tools che possono avvantaggiarvi rispetto agli altri e rendere più accurate le vostre previsioni. 

post image

Gli indicatori Forex: come classificare questo mare di strumenti

Nel mondo dell’Analisi Tecnica, la disciplina ormai più utilizzata del Trading Online, esistono un numero sempre maggiore di strumenti sui quali il trader può fare affidamento nel compiere scelte di investimento.

Obiettivo di questo articolo sarà il cercare di riordinare questi tools (il cui numero è in esponenziale crescita a causa dei nuovi inventati e delle varie possibili combinazioni tra già esistenti) all’interno di alcune macro categorie universalmente riconosciute e valide specialmente per il mondo del Forex.

Prima di continuare definendo le macro classi, è bene evidenziare che il lettore interessato può trovare dettagliate descrizioni di ognuno dei successivamente elencati indicatori Forex.

Medie Mobili

Le Medie Mobili, graficamente rappresentate da linee, sono indicatori di trend. Si chiamano “Medie” poiché sono calcolate usando le comuni formule algebriche della media aritmetica, esponenziale o ponderata, e “Mobili” poiché si aggiornano costantemente ed in automatico.

Se ad esempio le calcoliamo su 10 periodi (diciamo che un periodo rappresenta un giorno), quando scatta l’undicesimo giorno, nel ricalcolarsi automaticamente, la media mobile non considera più il primo dei 10 valori (il più vecchio) ma inserisce nel calcolo l’undicesimo.

Indicatori Separati

Gli Indicatori Separati sono strumenti di Analisi Tecnica basati su formule matematico-statistiche. Servono principalmente per indicare divergenze tra l’indicatore e il prezzo dello strumento finanziario.

Si ha ad esempio una divergenza ribassista quando il prezzo disegna massimi crescente, mentre l’indicatore rappresenta massimi decrescenti. Una divergenza rialzista, al contrario, si realizza quando il prezzo disegna minimi decrescenti ma l’indicatore minimi crescenti.

Tra gli indicatori più comuni si citano il MACD (Moving Average Convergence/Divergence), il CCI (Commodity Channel Index). Anche tutti gli indicatori di volatilità e di volume rientrano in questa categoria.

Graficamente sono rappresentati all’interno di un corridoio posizionato subito sotto il grafico del prezzo e vengono analizzati in contemporanea con questo.

Indicatori Sovrapposti

Per gli Indicatori Sovrapposti valgono le stesse considerazione valide per gli Indicatori Separati. L’unica differenza è che sono rappresentati sul grafico del prezzo stesso per permettere una migliore analisi visiva comparata.

I più importanti e famosi sono senza ombra di dubbio le Bande di Bollinger (BB) ed il Parabolic SAR.

Oscillatori

Gli oscillatori sono altri strumenti utilizzabili anche nel Forex che presentano le stesse caratteristiche degli Indicatori Separati ma che fluttuano in un corridoio che di solito li confina tra i valori di 0 e +100 (mentre i primi hanno un campo di oscillazione infinito).

La loro funzione principale è l’individuazione di livelli di ipercomprato (quando l’oscillatore supera i valori di 70 o 80) e di ipervenduto (quando scende sotto 30 o 20).

Tra i più famosi si annoverano il Relative Strength Index (RSI) e lo Stocastico.

Conclusioni

Gli obiettivi degli strumenti di Analisi Tecnica sono numerosi: individuare un trend, capirne la forza e quindi la durata, studiare i volumi e la volatilità, capire se il titolo è in ipercomprato o ipervenduto e via discorrendo.

Data l’enorme mole di tool e soprattutto i tanti diversi fini (a volte un indicatore può essere utilizzato anche per raggiungere più di un solo obiettivo), si consiglia vivamente di studiare sempre quanto più possibile, di rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità, ma, soprattutto, di capire il significato matematico e statistico di ogni strumento (e non solo quello meramen

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi