Ambiente, Rifiuti Zero

Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti

Settimana_Europea_Riduzione_Rifiuti

In occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, che quest’anno si terrà dal 22 al 30 novembre 2014, ricordiamo a tutti i tanti “piccoli” comportamenti quotidiani che, se correttamente compiuti, permettono di ottenere grandi risultati.
La riduzione dei rifiuti fa parte delle famose 5 erre, che stanno alla base della Strategia Rifiuti Zero e che, oltre alla riduzione, sono recupero, riuso, riciclo e riprogettazione (e ricordiamo che le prime 4 erre sono state fatte proprie dal Parlamento Europeo per la politica della Comunità in tema di rifiuti). Alla base del successo della Strategia Rifiuti Zero c’è senz’altro da sottolineare il coinvolgimento della cittadinanza: solo un cittadino responsabile e consapevole delle proprie azioni permetterà, in poco tempo, di ottenere risultati eccellenti. Come scrive Rossano Ercolini nel suo “Non bruciamo il futuro”: “La strategia Rifiuti Zero è al tempo stesso ideale e pragmatica e ha bisogno, per essere attuata, del senso civico di cittadini adeguatamente informati, motivati, formati e costantemente coinvolti. Certo, anche gli impianti e le tecnologie sono necessari per attuare il percorso nella sua totalità, ma è prima di tutto la buona organizzazione capillare delle comunità il cuore pulsante della sua vincente applicazione. È quindi la presa di coscienza delle comunità il primo dei dieci passi verso Rifiuti Zero”.
Naturalmente non si tratta “solo” di effettuare la raccolta differenziata nel modo corretto, affinché le risorse non vengano sprecate, ma di compiere quotidianamente piccole azioni “virtuose”. Eccone qualche esempio.

  1. Evitare di acquistare prodotti con doppi o tripli imballaggi.
  2. Consumare l’acqua del rubinetto; tanti comuni si sono dotati della casetta dell’acqua.
  3. Consumare il latte sfuso (anche in questo caso, tanti comuni si sono dotati della casetta del latte),
  4. Evitare gli imballaggi in Tetrapack che ha un costo di riciclo altissimo.
  5. Evitare gli imballaggi in poli-accoppiato realizzati con l’accostamento di materiali diversi e che sono destinati all’inceneritore (per esempio, la plastica con l’alluminio o la carta con la plastica usati spesso per brioches e patatine)
  6. Utilizzare i pannolini lavabili anziché quelli usa e getta.
  7. Preferire i detersivi alla spina ricaricabili al posto dei classici detersivi sugli scaffali dei supermercati.
  8. Se si ha un giardino, anche piccolo, effettuare il compostaggio domestico

rifiutizero
Compiere queste piccole azioni ci permetterà così non solo di sprecare meno risorse e di inquinare meno, ma anche di lasciare ai nostri figli un mondo migliore in cui vivere il loro futuro.

About Bergamo5Stelle

No information is provided by the author.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *