Ambiente, Brembate

Aiutare correttamente sarebbe meglio!

A Brembate il servizio di raccolta dei rifiuti è svolto dalla Geco, un’azienda con sede a Treviglio, che svolge analogo servizio in ben 76 comuni.

E’ composta da capitale privato e pubblico e il comune di Brembate vi partecipa in quanto azionista di Linea Servizi.

Quindi, diciamo che l’amministrazione di Brembate “gioca in casa”. E infatti, dopo alcuni contatti avvenuti con noi nei mesi scorsi, si sta attivando con la stessa Geco per portare anche a Brembate la Tariffa Puntuale (si vedrà poi se con o senza bidoncino microchippato). Su questo fronte, aspettiamo pazientemente…

Recentemente, poi, Geco ha rifatto interamente il proprio sito web, e ha pensato bene di inserire un’utile applicazione (“Dove lo butto”) per “rispondere” ai mille dubbi sul come fare al meglio la Raccolta Differenziata.

Peccato però che, ad un’attenta analisi, le informazioni inesatte siano parecchie e, anziché generare sicurezza e certezze, sembrano fatte apposta per creare confusione.

  1. Come mai le grucce di plastica vengono fatte conferire in piazzola ecologica? Secondo le direttive Corepla, vanno conferite negli imballaggi di plastica e, quindi, andrebbero ritirati nel giro del porta a porta del lunedì mattina
  2. Come mai il tubetto del dentifricio viene detto di conferirlo nel secco residuo? Anche qui, secondo le direttive Corepla si tratta di un imballaggio di plastica.
  3. Come mai le buste sottovuoto del caffè vengono fatte conferire nel secco residui, per poi aggiungere che i sacchetti del caffè vanno nella plastica? Vale la stessa cosa detta prima: tutto negli imballaggi di plastica!
  4. Idem per le buste del cibo per gatti: non vanno nel secco residuo, ma negli imballaggi di plastica.
  5. La “perla” finale delle posate di plastica da conferire nella plastica, poi, confonde ancora di più chi cerca informazioni per capire: purtroppo, sempre per quanto stabilito dagli accordi tra Anci e Corepla, le posate di plastica non sono un “imballaggio di plastica” e, pertanto, non vanno conferite nella plastica.

Speriamo che chi di dovere possa quanto prima porre rimedio a questa “cattiva informazione” riuscendo così ad essere un valido aiuto ai cittadini che intendono svolgere la Raccolta Differenziata nei migliore dei modi.

Approfittiamo di questo spazio per anticipare la nostra prossima richiesta all’amministrazione di Brembate. Abbiamo notate che in molti comuni serviti da Geco (pensiamo alla vicina Verdellino) nella piazzola ecologica c’è sia il cassone della plastica (contrassegnato dalla sigla CER 150102) e sia il cassone delle “altre plastiche” (contrassegnato dalla sigla CER 200139) [mentre a Brembate c’è solo quello per la raccolta delle cassette].

Sarebbe bene, invece, che ci fossero questi due cassoni anche a Brembate, sia per raccogliere la plastica (viviamo in un mondo sommerso dalla plastica), sia per le “altre plastiche” o “plastiche dure”. Tantissime cose, che magari si rompono e vengono portate in piazzola ecologica, come  tavoli e sedie da giardino, cover cellulari, vasi e sottovasi dei fiori, giocattoli, custodie di vecchie videocassette, contenitori di plastica per liquidi che superano i 5 litri, ecc. vengono conferite nel cassone degli ingombranti, che finiscono poi in qualche inceneritore, con un bel costo per la comunità e un enorme danno all’ambiente che ci circonda.

Dotare la piazzola ecologica di un cassone delle altre plastiche permetterebbe di avviare questo materiale a riciclo e, anziché essere un costo per l’intera comunità (che paga lo smaltimento con una quota della propria Tari), divenire fonte di guadagno (e quindi, perché no, magari anche con una Tari un po’ meno pesante).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *