Brembate

Comune di Brembate: richiesta di installazione di cassone della plastica e di cassone delle altre plastiche

Brembate, 7 maggio 2017

Al sindaco del comune di Brembate,
Mario Doneda
All’assessore all’ambiente,
Patrizia Marcandalli

OGGETTO: RICHIESTA DI INSTALLAZIONE DI CASSONE DELLA PLASTICA E DI CASSONE DELLE ALTRE PLASTICHE

PREMESSO che

viviamo in una società immersa, per così dire, nella plastica: qualsiasi cosa acquistiamo, è avvolta in un imballaggio di plastica; nonostante la raccolta settimanale porta a porta della plastica, spesso capita, a chi si reca in piazzola ecologica, di dover conferire degli imballaggi di plastica, anche solo per essersi dimenticato di esporre il sacco negli orari indicati: oggi, a Brembate, tutto questo materiale viene conferito nel cassone degli ingombranti.

Oltre alla plastica degli imballaggi, esistono anche numerose “altre plastiche” (tavoli e sedie da giardino, cover cellulari, paraurti, cassette di frutta e acqua, vasi e sottovasi dei fiori, giocattoli rotti e oggettistica in genere, recipienti di plastica oltre i 5 litri, mastelli e catini, tubi degli idraulici, tubo della canna dell’acqua). A Brembate, queste “altre plastiche”, attualmente vengono conferite anch’esse nel cassone degli ingombranti, con l’eccezione delle cassette della frutta, che hanno un apposito cassone.

CONSIDERATO che

  • sia la plastica degli imballaggi, sia le “altre plastiche”, che vengono conferite nel cassone degli ingombranti, sono poi destinate all’incenerimento, e quindi diventano un costo di smaltimento per l’intera comunità.
  • Come già fanno altri comuni vicini al nostro, che hanno Geco come gestore dei rifiuti, (per esempio, Verdellino), esiste un apposito cassone della plastica (CER 150102).
  • Altri comuni si sono dotati in questi anni di un apposito cassone delle “altre plastiche” (CER 200139, CER 170203, CER 160119). Dai dati in nostro possesso, a Paderno Franciacorta, paese del bresciano con 3700 abitanti, nel 2016 sono state raccolte, mediante l’apposito cassone (CER 200139, CER 170203, CER 160119), ben 11.000 chilogrammi di “altre plastiche”. A Rovato, paese di 19000 abitanti anche’esso in provincia di Brescia, dal giugno del 2016 a dicembre del 2016, si sono recuperate, sempre mediante l’apposito cassone, 17.000 chilogrammi di altre plastiche. Per restare nella bergamasca, sempre nel 2016, con dati relativi alla raccolta delle altre plastiche negli appostiti cassoni: Boltiere (6000 abitanti) 12.190 chilogrammi, Calcio (5700 abitanti) 12.080 chilogrammi, Calcinate (6000 abitanti) 11.920 chilogrammi, Bagnatica (4000 abitanti) 12.320 chilogrammi.
  • Esistono aziende specializzate nella lavorazione delle altre plastiche, alcune vicine a noi come la Maplex di Spirano, che le acquistano.

RITENUTO che

codesta amministrazione, dalle voci che ci sono giunte e dopo i nostri precedenti incontri, si sta adoperando affinché anche a Brembate ci si possa dotare a breve di una Tariffa Puntuale, in base alla quale “chi più butta, più paga”;

più materiale si riesce a recuperare, impedendo che venga portato ad incenerire, oltre ad essere un evidente beneficio per le tasche dei cittadini, tenuto conto che le altre plastiche hanno un valore di mercato che va da 15 a 40 euro a tonnellata, mentre la plastica da 200 a 270 euro a tonnellata, lo sarà anche per l’ambiente e per l’aria che respiriamo.

Per tutti questi motivi il Meetup 195 della Media Pianura Bergamasca

CHIEDE che vengano predisposti presso le piazzole ecologiche di via Vecelio e di via Buffalora:

1 cassone della plastica (contrassegnato dalla sigla CER 150102)

1 cassone delle “altre plastiche” (contrassegnato dalle sigle CER 200139, CER 170203, CER 160119)

Ringraziando per l’attenzione, cogliamo l’occasione per porgere cordiali saluti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *