Cromo esavalente

Il cromo esavalente è un composto presente in numerose lavorazioni industriali ed è altamente tossico. In Italia i limiti stabiliti dalla legge sono contraddittori. Nella bassa pianura bergamasca (da Treviglio sino a Ciserano) per anni varie aziende hanno versato illegalmente in fiumi e corsi d’acqua tale sostanza, con ripercussioni dirette sulla catena alimentare ed esponendo la popolazione ad un
elevato rischio di cancro.

La Regione ha tentato di bonificare le aree inquinate con la tecnica della barriera idraulica, ma senza ottenere risultati. Il M5S ha proposto da marzo 2013 un intervento di biorisanamento: l’aggiunta di nutrienti non tossici e completamente biodegradabili nella falda trasforma il cromo da esavalente in trivalente, rendendolo innocuo per la salute umana. Tale metodologia ha un’elevata sostenibilità ambientale ed economica ed è stata testata anche da ARPA (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente). Finalmente, nel gennaio del 2014, di fronte all’evidenza che la soluzione proposta dall’M5S fosse la migliore, la Regione Lombardia ha abbandonato la tecnica delle barriere idrauliche in favore della tecnica del biorisanamento: una grande vittoria per il MoVimento 5 Stelle!

1 Comment

  1. Il cromo e un metallo duro, lucido, di colore grigio acciaio; puo essere facilmente lucidato, fonde con difficolta ed e molto resistente alla corrosione .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *